Donne che gestiscono: Sottorappresentate o supercaricate?

La disuguaglianza di genere rimane una caratteristica distintiva dei mercati del lavoro europei. Nonostante la crescente partecipazione alla forza lavoro, le carriere femminili rimangono concentrate in posti di lavoro e settori economici specifici. Inoltre, la loro mobilità professionale e il loro avanzamento attraverso le fila nella gestione rimangono limitati (da identificare come un soffitto di vetro).

In relazione alle specifiche condizioni di lavoro delle posizioni dirigenziali, dobbiamo sottolineare che i manager sono in posizione strategica, avendo la libertà di definire le pratiche e le politiche sul posto di lavoro. Questa posizione conferisce loro un duplice ruolo: contribuire al successo dell’organizzazione e salvaguardare il benessere dei loro subordinati. Per questo, la sotto rappresentazione delle donne in posizioni strategiche ha indubbiamente ripercussioni sul lavoro e sul mercato del lavoro.

Nonostante anni di politica di parità di genere, la presenza limitata delle donne nei ruoli dirigenziali in Europa illustra l’ampiezza della sfida e sottolinea la necessità di uno sforzo più concertato e di strategie globali a lungo termine per guidare il cambiamento. In questo senso, Eurofound ha realizzato un documento programmatico “Le donne nella gestione: Sotto-rappresentata e sovraccarica”, si concentra sulle donne che hanno superato le barriere e sono passate alla gestione. Si tratta di valutare se le donne, una volta raggiunto un ruolo manageriale, continuano ad incontrare ostacoli che i loro omologhi maschi non incontrano.

Soffitti in vetro: una realtà consolidata

Testimonianze empiriche testimoniano la presenza del soffitto in vetro. In questo senso, la scarsità di donne manager è il risultato combinato di fattori sociali e culturali di ampia portata, come ad esempio: norme culturali, infrastrutture di assistenza formale insufficiente, distribuzione non equa delle responsabilità di assistenza e del lavoro non retribuito a casa, la fiducia in un numero limitato di lavoratrici disponibili per le posizioni dirigenziali e la mancanza di modelli di ruolo femminile nelle posizioni dirigenziali.

Secondo questi fatti, i dati dell’Istituto europeo per l’uguaglianza di genere relativi al 2017 mostrano che le donne rappresentavano solo il 25% dei membri dei consigli di amministrazione delle maggiori società quotate in borsa registrate nell’Unione europea (UE), anche se la situazione varia notevolmente da uno Stato membro dell’UE all’altro. Inoltre, secondo il sondaggio speciale Eurobarometro sulla parità di genere condotto nel 2017, il 35% degli intervistati ha dichiarato che gli uomini sono più ambiziosi delle donne. In alcuni paesi dell’UE questa cifra è aumentata di oltre il 50%.

Per evitare questa situazione, l’Unione è stata in prima linea nel promuovere la parità di genere, talvolta incoraggiando gli Stati membri riluttanti a seguire questa strada. Il primo passo è stato compiuto nel 1957, quando l’UE ha stabilito il principio della parità retributiva attraverso il trattato di Roma. Da allora, diverse politiche hanno spianato la strada verso l’obiettivo della parità.

Alcuni dati interessanti

Il documento di sintesi della politica europea riporta dati che mostrano l’attuale situazione del mercato del lavoro. Una realtà in cui la disuguaglianza di genere è presente nella maggior parte degli Stati membri.

  • Gli uomini sono più numerosi delle donne che occupano posizioni dirigenziali di due a uno nell’UE. Gli Stati membri con il miglior equilibrio di genere nella gestione sono la Lituania, l’Ungheria, la Bulgaria, Cipro e la Lettonia, dove oltre il 40% dei dirigenti sono donne.
  • Le donne sono sottorappresentate come dirigenti in quasi tutti i settori economici. La gestione è più equilibrata dal punto di vista del genere nel settore pubblico, anche se anche in questo caso predominano gli uomini.
  • Le donne sono le più rappresentate tra i manager non supervisori, che rappresentano il 41% di questo gruppo.
  • Tra i dirigenti che supervisionano il personale, le donne hanno maggiori probabilità degli uomini di gestire altre donne, lavoratori più giovani e lavoratori con contratti atipici.
  • Il potere all’interno del livello dirigenziale è ineguale tra i dirigenti di sesso maschile e quelli di sesso femminile. Tra i supervisori e i dirigenti non supervisori, gli uomini hanno una maggiore influenza nel processo decisionale organizzativo rispetto alle donne che ricoprono lo stesso tipo di ruolo; ma tra i dirigenti supervisori, le donne riferiscono di avere maggiore influenza rispetto agli uomini.
  • Le donne in genere riferiscono più ricadute negative tra lavoro e vita familiare rispetto agli uomini.
Disparità di genere nel livello dirigenziale

La relazione tratta specificamente della situazione della gestione ai diversi livelli, settori e strutture dell’UE stessa.

In media, le donne rappresentano il 36 per cento di tutti i dirigenti in Europa. Alcuni dei nuovi Stati membri sono all’avanguardia in termini di pari rappresentanza di uomini e donne sia nel mercato del lavoro che nella gestione (in uno qualsiasi dei tre tipi: supervisori, dirigenti non supervisori e dirigenti supervisori).

Se si considera la percentuale di donne sul mercato del lavoro, si rileva una disuguaglianza di base. Mentre le donne costituiscono quasi la metà di tutte le persone con un lavoro (48%), solo poco più di un terzo dei dirigenti nell’UE sono donne. Nel caso della Spagna, la percentuale di donne nel mondo del lavoro è del 47%, mentre la percentuale di donne nel management è del 38% (dati 2015).

Per quanto riguarda la distribuzione dei lavoratori di sesso maschile e femminile tra i vari settori, gli uomini sono molto più numerosi delle donne nei settori dell’edilizia, dei trasporti, dell’industria e dell’agricoltura, mentre le donne sono predominanti nell’istruzione e nella sanità.

Articolo precedente
Incontro parigino delle donne può costruire: chiavi e risultati del progetto
Articolo successivo
Women Can Build trittico informativo disponibile

Entradas relacionadas

Menu