Incontro parigino delle donne può costruire: chiavi e risultati del progetto

La seconda riunione di partenariato del progetto Women Can Build del programma Erasmus+ si è svolta a Parigi dal 5 al 6 luglio 2018. Una preziosa e produttiva sessione in cui è stata affrontata la parità di genere nel settore delle costruzioni.

L’incontro si è incentrato su due questioni principali. La prima, che riguarda le tre azioni essenziali per promuovere la parità sul posto di lavoro nell’edilizia: sensibilizzazione, educazione e diffusione. La seconda riguarda la transizione verso un’industria equa, che deve essere sostenuta da cambiamenti in tutti coloro che sono coinvolti nell’inserimento delle donne nel settore delle costruzioni: Centri di istruzione e formazione professionale, formatori, imprese e le donne stesse. A tal fine il progetto sviluppa una metodologia partecipativa per pianificare e condurre il processo di ricerca con le persone coinvolte.

Nel corso dell’incontro i partner hanno affrontato il problema dello squilibrio di genere che limita le possibilità di crescita e competitività nel settore delle costruzioni. I principali risultati delle due giornate di lavoro sono stati:

L’importanza del ruolo del formatore

I partner hanno presentato i risultati del lavoro sul campo per quanto riguarda la raccolta di dati sulle questioni di genere nelle pratiche di formazione nel settore delle costruzioni. L’auto-analisi e la riflessione dei formatori della istruzione e formazione professionale (VET) sui punti di forza e di debolezza in relazione al tema di genere mostrano importanti lacune. Sulla base dei risultati, i partner hanno concluso la proposta di contenuti per il Massive Open On Line Course (MOOC), che sarà lanciato alla fine di settembre.

I partner del progetto hanno convenuto che mettere in primo piano lo sviluppo delle competenze in materia di parità di genere dei formatori contribuirà ad un’ulteriore sensibilizzazione di tutti le figure professionali che partecipano alla formazione professionale (operai), massimizzando così l’impatto su molti professionisti futuri (IFP) e attuali (CVET) del settore con un effetto a cascata.

Esperienza formativa “immersiva” per le donne

L’industria edile non attira un numero significativo di donne nella sua forza lavoro. Durante la sessione i partner hanno sottolineato l’importanza di implementare un’esperienza di learning by doing per mostrare alle donne la grande varietà di opportunità all’interno del settore. L’obiettivo principale di questa attività è quello di attirare le donne nel settore fornendo una panoramica generale dei processi di costruzione e delle diverse possibilità che ha  l’industria delle costruzioni .

Nel corso dell’incontro i partner hanno condiviso una traccia di esperienza formativa immersiva definendone: obiettivi, contenuti, durata, metodo di formazione, ecc.

I risultati di questa esperienza saranno pubblicizzati il prossimo anno.

Beatriz Oliete e Javier González durante l’incontro.
Necessità di promuovere la parità nei centri di formazione

Per una reale attuazione della parità di genere nell’IFP è necessario adeguare i meccanismi interni ed esterni delle istituzioni IFP, che si riflettono nella loro missione, visione e valori, che devono essere seguiti anche dai formatori, dai tirocinanti e da tutto il suo personale.

Il lavoro più difficile consiste nel mettere in pratica questi principi di progettazione con persone reali negli ambienti dinamici e complessi dei centri di formazione. Durante il dibattito, i partner hanno condiviso alcune azioni collettive che dovrebbero essere implementate all’interno di queste organizzazioni edilizie, alcune delle quali sono state: piano di pari opportunità o guida di comportamenti e molestie sessuali. Dal punto di vista esterno sono stati proposti: corsi di parità di genere, orientamento al lavoro femminile, ecc.

Alleanza con le imprese

Un ultimo ma decisivo passo per l’equilibrio di genere nel settore passa attraverso la sensibilizzazione e l’attrazione dell’attenzione delle imprese e dell’industria in generale. Nel corso della riunione è stata sottolineata la necessità di unire le forze con le imprese per combattere le disuguaglianze di genere nel settore, creando un’unione forte con tutti gli attori del settore edile e collaborando alla definizione del “Piano d’azione per le imprese di costruzione” per la consapevolezza di genere e per la promozione dell’equilibrio di genere nelle loro organizzazioni.

Il secondo incontro di Women Can Build si è concluso con un buon feeling: lavoro continuo per creare un posto di lavoro migliore, con pari opportunità e impegno per la professionalità e la parità di genere.

Articolo precedente
Otto esperti di genere di formazione e del settore delle costruzioni hanno partecipato al primo focus group di Women Can Build
Articolo successivo
Donne che gestiscono: Sottorappresentate o supercaricate?

Entradas relacionadas

Menu