Progetto europeo “Women can build”, a Piacenza prende il via il corso sperimentale Ecobricklaying rivolto alle donne

21Nell’ambito del progetto europeo “Women can build” la scuola edile di Piacenza ha dato il via al corso sperimentale rivolto alle donne denominato Ecobricklaying. Si tratta di una delle 5 esperienze pilota realizzate nei Paesi del partenariato, corsi esperienziali per apprendere come costruire un edificio a energia zero (nZeb).

L’obiettivo primario del corso è quello di stimolare interesse per il settore, affrontando le barriere culturali e mostrando possibilità e opportunità di carriera anche per le donne nel settore delle costruzioni nel campo dell’efficienza energetica.

Questo formato di corso si basa sulle precedenti esperienze dei centri di formazione professionale, come i “Campi serra”, realizzati tra il 2015 e il 2018 dal partner di progetto BZB. Il concetto è stato trasferito agli altri Paesi partecipanti al progetto aggiungendo una prospettiva di genere.

Ecobrick laying – green building “come applicare un isolamento interno ed esterno”, ha visto un fattivo impegno di 9 donne disoccupate con pratica laboratoriale seguite da tre formatori.

Da questa esperienza positiva senz’altro da ripetere, organizzando classi miste si traggono alcune conclusioni ovvero: gli stereotipi sono duri da abbattere ma con la determinazione, la dimostrazione, e l’impegno ci si può riuscire. Talvolta sono le stesse donne che non credono nella possibilità di imbarcarsi in alcuni lavori che da sempre sono stati catalogati del genere maschile, anche i formatori hanno bisogno di imparare ad insegnare secondo parità di genere e questo è un altro obiettivo del progetto.

Articolo precedente
“Ho ancora molte difficoltà nell’inserimento, ma è necessario essere molto determinate, in quanto vi sono molti pregiudizi”
Articolo successivo
Women Can Build. Si è svolto il seminario nazionale di disseminazione del progetto europeo organizzato dal Formedil

Entradas relacionadas

Menu